Agibilità e agevolazioni prima casa - CERTO edilizia energetica

Agibilità e agevolazioni prima casa

Agibilità e agevolazioni prima casa

interno-abitazione

Perdo le agevolazioni prima casa se non c’è l’agibilità?

Hai acquistato una casa ancora da costruire e il costruttore ha rilasciato l’agibilità in ritardo. Ti stai chiedendo se puoi usufruire delle agevolazioni?

L’agevolazione prima casa

Con questo tipo di agevolazione puoi risparmiare sulle imposte – di registro, ipotecaria, catastale – sia se acquisti da un privato sia se compri da un’impresa. Per accedere alle agevolazioni, però, devi risultare residente nella città dell’immobile entro 18 mesi da quando l’hai acquistato, non risultare proprietario di altre case in Italia, fare delle attività in quel Comune come lavorare, studiare, praticare sport.

Cosa succede se manca l’agibilità

Prendiamo il caso di Giulio che, insieme a Maria, ha comprato una casa ancora in costruzione. Prima di trasferire la vostra residenza da Casalecchio a Bologna – la città dove si trova la casa – hanno aspettato che fossero finiti i lavori e che potessero andarci a vivere.

In particolare, hanno saputo che visto che la casa non era stata ancora finita non era stato ancora rilasciato il certificato di agibilità e hanno preferito aspettare. Si sa, infatti, che una casa senza agibilità ha un valore commerciale minore e solitamente ha qualche difetto – soffitti bassi, finestre piccole in stanze molto grandi.

Questa attesa, però, è durata così tanto che nel frattempo sono trascorsi i 18 mesi dall’acquisto, ovvero è venuta meno una delle condizioni per cui è possibile usufruire delle agevolazioni per la prima casa.

Giulio e Maria possono provare a ricorrere in appello ma sicuramente non riuscirebbero ad avere la meglio.

l’art. 2 del d.l. 7 febbraio 1985, n. 12 (convertito nella legge 5 aprile 1985, n. 118), richiede, per la fruizione dei benefici c.d. prima casa, previsti in caso di acquisto di immobile in altro Comune, che il compratore vi trasferisca la residenza, rilevante ai fini del godimento dell’agevolazione, entro il termine di diciotto mesi dall’acquisto; detto trasferimento, elemento costitutivo del beneficio richiesto e provvisoriamente accordato, rappresenta un obbligo del contribuente verso il fisco.

Ciò che potrebbero dire Giulio e Maria è che non sia stata colpa loro. L’articolo che abbiamo citato prima, però, specifica che eventuali ostacoli possono essere considerati solo se relativi alla “non imputabilità alla parte obbligata e dall’inevitabilità ed imprevedibilità dell’evento.”

Dunque anche in questo caso perderebbero il loro ricorso in Cassazione.

Cosa fare quando manca l’agibilità

Per non perdere le agevolazioni prima casa, nel caso in cui non ci sia ancora il certificato di agibilità, ci sono due soluzioni:

  • prendere comunque la residenza nell’abitazione ancora in costruzione e, nel caso, non venisse rilasciata l’agibilità, neanche a fine lavori, è possibile richiedere l’annullamento del rogito – si tratta di un caso delicato, è meglio consultare un avvocato
  • trasferire la residenza in un altro immobile della città in attesa che la casa sia finita e venga data l’agibilità

Di per sé, quindi, la mancanza dell’agibilità non impedisce di accedere alle agevolazioni previste dall’Agenzia delle Entrate per l’acquisto della prima casa. Infatti, un trafiletto della Sentenza della Corte di Cassazione n. 2527/2014 stabilisce che per ottenere l’agevolazione non è necessario che la casa abbia l’agibilità.

Come evitare i problemi della compravendita

Ciò che è capitato a Giulio e Maria, ancora una volta, dimostra che anche un piccolo errore durante la compravendita può portarti a perdere le agevolazioni o a finire in un contenzioso. La soluzione per arrivare al rogito senza problemi? Farti seguire da uno dei nostri tecnici.

Abbiamo parlato di un caso in cui la casa da acquistare era ancora in costruzione e ciò sicuramente ha reso più difficile la compravendita. Ma molti problemi possono verificarsi anche quando decidi di comprare una casa già esistente, magari da ristrutturare. Per evitare qualsiasi problema prime e durante il rogito ti consigliamo di:

  • farti accompagnare al sopralluogo da uno dei nostri tecnici per una consulenza sul posto
  • chiedere sempre di verificare la conformità urbanistica e catastale dell’immobile, ovvero fare elaborare/richiedere di vedere la Relazione Tecnica Integrata.

Noi abbiamo redatto oltre 600 Relazioni Tecniche Integrate a Bologna e provincia dal 2015 ad oggi. Qui puoi leggere le impressioni dei nostri clienti.

Per un preventivo su misura chiama allo 0517166459 – parlerai direttamente con uno dei nostri tecnici – oppure scrivi una e-mail a: info@gruppoeden.it.

* Campi obbligatori

Consenso per il trattamento dei dati personali ai sensi del Regolamento (UE) 2016/679 (“GDPR”)
(Privacy):

CERTO edilizia energetica
CERTO edilizia energetica
CERTO edilizia energetica è la divisione di Gruppo EDEN dedicata ai servizi rivolti ai privati, dalla certificazione energetica alle pratiche edilizie e catastali.

Comments are closed.

Cambi casa? Scarica le domande da fare alla prima visita.
Ci teniamo alla tua privacy.