La successione ereditaria - CERTO edilizia energetica

La successione ereditaria

La successione ereditaria

la successione ereditaria

 

Cos’è la successione e come si eredita

Hai mai sentito parlare di successione?
Sai di che si tratta?
Te lo spieghiamo noi!

Quando viene a mancare un parente prossimo si parla spesso di successione. La successione in questione è quella di tipo ereditario.Quando ha inizio la successione? Ha inizio quando muore (viene a mancare ) qualcuno. E’, infatti, nel momento della morte che inizia la successione ereditaria.

La successione ha inizio alla data di morte di “colui della cui eredità si tratta”(ovvero quello che spesso viene definito come il “de cuius”) e nel luogo del suo ultimo domicilio.

TIPOLOGIE DI SUCCESSIONE

La successione può essere:

  • legittima;
  • testamentaria.

LA SUCCESSIONE LEGITTIMA

La successione è, infatti, legittima quando:

  • il defunto non ha redatto il testamento;
  • il testamento redatto viene considerato nullo o annullato;
  • il testamento è valido ma in esso non è compresa l’intera eredità.

Redigere il testamento non un è obbligo. Dunque quando, ovvero nella gran parte dei casi, il testamento non viene redatto la successione segue le disposizioni di legge.

La legge stabilisce le quote di eredità in base al grado di parentela e, in particolare, non oltre il sesto grado.

Il coniuge donna, grazie alla riforma del diritto di famiglia del 1975, ha, nella successione, gli stessi diritti che spettano ai figli.

LA SUCCESSIONE TESTAMENTARIA

Si ha quando il defunto ha redatto, prima di morire, un testamento. Nel testamento si possono fare dichiarazioni che riguardano il patrimonio (soldi, case, terreni…) ma anche dichiarazioni di carattere morale e filosofico. Il testamento può essere:

  • ordinario
  • speciale

Il testamento ordinario può essere, a sua volta redatto tramite:

  • atto pubblico (reso pubblico o segreto)
  • scrittura privata

E’ importante chiarire che nel testamento è possibile dare disposizioni solo riguardo alla quota “disponibile”, ovvero “libera”, tolte quelle destinate dal codice civile,  ai parenti più prossimi.

Facciamo un esempio:

Mario scrive il testamento. Mario ha una moglie e un figlio, la legge destina:

  • 1/3 figlio
  • 1/3 coniuge
  • 1/3 quota disponibile

Quindi nel testamento Mario può dare disposizioni che riguardano soltanto 1/3 dell’eredità! Dunque abbiamo così sfatato il mito, spesso usato nei film, per cui, in generale potrebbero esserci casi in cui ai figli non vada nulla dell’eredità del padre!

Infatti, anche in caso di donazione in vita e anche quando chi avesse ricevuto la donazione l’abbia venduta a terzi gli eredi legittimi hanno 20 anni di tempo per chiedere la restituzione della donazione.

Oltre alla quota prevista dal codice civile, il coniuge ha il diritto di abitare nella casa coniugale e di usufruire dei mobili che sono presenti in essa.

 170321_SH_IMG_miniatura_infografica post successioni

COME AVVIENE LA SUCCESSIONE
La successione non si acquisisce in modo automatico. Per legge è possibile:

  • accettare (in maniera espressa, tacita, o con beneficio d’inventario)
  • rinunciare
  • impugnare la rinuncia

Il termine per accettare l’eredità o rinunciare  è di 10 anni.

Quando si diventa eredi si ereditano non solo i beni (materiali o monetari) ma anche gli eventuali debiti. L’accettazione con beneficio d’inventario permette all’erede di estinguere i debiti ereditari attingendo solo alle somme o ai beni ereditati.

Facciamo un esempio:

Mario eredita 50.000 euro e con essi un debito di 80.000 euro.

Se Mario accetta con beneficio d’inventario può estinguere il debito pagando soltanto con la somma di denaro ricevuta(50.000 euro) e non sarà obbligato a pagare gli ulteriori 30.000 attingendo al suo denaro personale.

CASI PARTICOLARI
  • Indegnità: è indegno colui che viene escluso dalla successione;
  • Interdizione e inabilitazione: strumenti per aiutare persone che non sono in grado di tutelare i propri interessi.

Novità
Dal 3 ottobre 2016 è diventato obbligatorio presentare la domanda di successione per via telematica. E’ stato previsto, però, un periodo di transizione, dal 23 gennaio 2017 al 31 dicembre 2017 in cui è ancora possibile compilare la domanda in forma cartacea usando il Modello 4.

Dal 1° gennaio 2018 scatta l’obbligo di presentare la domanda di successione online.

Continua a seguirci! Nei prossimi articoli approfondiremo l’argomento dandoti preziosi consigli!
Iscrivi alla newsletter!

Non sai quali documenti servono o come calcolare le imposte da pagare per regolarizzare la posizione di erede? Rivolgiti a noi! Uno dei nostri tecnici ti seguirà in tutta la procedura. Chiedici un preventivo gratuito!

Hai ereditato dei beni immobili? Ricordati di registrare il passaggio di proprietà, ovvero di fare la voltura catastale.
Rivolgiti a noi! Contattaci o chiedici un preventivo gratuito! Ci occupiamo di pratiche di voltura catastale da oltre 6 anni!

* Campi obbligatori

Consenso per il trattamento dei dati personali ai sensi del Dlg 196/2003 (Privacy):

Sarah Saccullo
Sarah Saccullo
Con un bagaglio di cultura edile in testa racconto l’edilizia come farebbe un amico che cerca di dare un buon consiglio. Curiosa per natura e, inevitabilmente, attratta dalle novità. Progetto strategie di marketing, pianifico come metterle in pratica e racconto le aziende nei testi dei loro siti.Le mie passioni sono: l’architettura, l’arte e la bakery.

Comments are closed.

Scarica la guida: Andare a rogito senza pensieri
Iscriviti alla newsletter per scaricare la guida e rimanere sempre aggiornato sulle novità del mondo dell'edilizia.
Rispettiamo la tua privacy: leggi la Policy