Abusi edilizi: chi ne risponde dopo la compravendita? - CERTO edilizia energetica

Abusi edilizi: chi ne risponde dopo la compravendita?

Abusi edilizi: chi ne risponde dopo la compravendita?

interno di una casa

Hai deciso di trasformare il tuo piano per uffici in un appartamento per poi venderlo?
Potrebbe essere una buona idea. È una cosa comune, soprattutto, a Bologna dividere un grande appartamento in due più piccoli da vendere o affittare separatamente a ragazzi universitari.

Se, però, non fai attenzione al cambio di destinazione potresti avere qualche problema. Se, ad esempio, fai il cambio di destinazione d’uso da ufficio a residenziale senza comunicarlo né in Comune né al Catasto fai un abuso edilizio.

In molti pensano che se si fa un abuso edilizio su una casa e poi la si vende il problema non si pone più. Purtroppo, però, è solo un falso mito che si è diffuso.

La Sentenza della Cassazione Civile n. 4251 del 13/02/2019, infatti, ha sottolineato che, anche dopo la vendita, è comunque il proprietario a rispondere degli abusi edilizi creati. Durante il sopralluogo nell’abitazione i vigili si erano accorti che erano state fatte delle modifiche e la casa non risultava più avere i requisiti necessari per l’agibilità.

Ecco perché la Cassazione ha stabilito che i proprietari dovevano ristabilire la situazione precedente, ovvero riportare la distribuzione interna della casa a quella che era prima della vendita. Come vedi la vendita non ha sistemato le cose, anzi, le rese ancora più difficili per chi ha comprato e per chi ha vende. Il venditore, infatti, oltre a ripristinare la distribuzione precedente ha dovuto anche pagare una sanzione per sanare l’abuso che ha creato.

Quello che ti abbiamo raccontato era un caso della Cassazione e forse starai pensando che si tratta di casi davvero rari. In questi anni abbiamo analizzato la conformità di circa 500 immobili, di Bologna e della provincia, e in 70 casi su 100 che abbiamo preso a modello abbiamo trovato abusi edilizi, o meglio difformità catastali e/o comunali.

Quindi, non è vero che capita raramente di commettere un abuso edilizio o di vendere una casa che ha un abuso edilizio. Molte volte l’abuso è stato commesso dal proprietario precedente. In quel caso la vendita viene fatta in buona fede. Il nuovo proprietario può non sapere dell’abuso.

La compravendita è sempre una procedura burocratica piuttosto lunga. Quindi, che tu sia dalla parte del venditore o dell’acquirente, crediamo che vorresti sicuramente evitare qualsiasi problema. La soluzione per non avere problemi durante la fase di compravendita c’è ed è molto semplice.

Come comprare una casa senza abusi edilizi

Come dicevamo una soluzione c’è. Sai qual è? Farti venire il dubbio fin da subito. Chiederti, già al momento del sopralluogo nella casa da comprare – soprattutto se poi vuoi ristrutturarla – se ci sono degli abusi edilizi che magari a prima vista non hai notato.

Sì perché, come diciamo sempre, è normale che tu acquirente quando vedi una casa pensi a come diventerà dopo che ti ci sarai trasferito e non pensi, invece, ai problemi che potrebbe avere. Hai gli occhi sognanti di chi sta per cambiare casa, e anche un po’ vita.

Un tecnico, invece, raramente sogna quando vede una casa piuttosto cercare di capire se c’è qualcosa che non va. Dunque, il nostro consiglio è prenotare una consulenza con un tecnico per andare insieme al sopralluogo e non perdere neanche un dettaglio di quella casa.

Se, oltre alla consulenza, vuoi anche un documento che confermi che la casa che stai per acquistare non ha nessun abuso edilizio, ovvero è conforme dal punto di vista urbanistico catastale allora puoi richiedere la Relazione Tecnica Integrata, il documento che è una garanzia per chi compra e uno scudo per chi vende.

Come vendere una casa e non avere problemi dopo la vendita

Come dicevamo la Relazione Tecnica Integrata è uno scudo per il venditore. Se, infatti, prima della vendita incarichi un tecnico di verificare che nella tua casa non ci sono abusi edilizi potrai venderla con la sicurezza che non avrai problemi burocratici dopo. Nessuno, dopo la vendita, potrà chiederti di ripristinare o di pagare una sanzione.
Come hai visto incontrare un abuso edilizio durante una compravendita è una cosa che capita più spesso di quanto pensi. Si tratta, però, di un problema facilmente risolvibile se decidi di farti aiutare da un tecnico.

Noi conosciamo bene le dinamiche della compravendita, abbiamo affrontato moltissimi casi di abusi edilizi e li abbiamo risolti in modo che si potesse andare a rogito. Questi nostri 8 anni di esperienza li mettiamo a tua disposizione.

Se stai per comprare una casa da ristrutturare veniamo al sopralluogo con te, ti aiutiamo a scegliere la casa giusta e ti accompagniamo durante i lavori di ristrutturazione.

Se, invece, stai per vendere ti aiutiamo a evitare problemi dopo la compravendita con l’elaborazione della Relazione Tecnica Integrata, il documento che attesta la conformità urbanistica e catastale della tua casa.

E se non vuoi perderti nessuno dei nostri consigli per la compravendita iscriviti alla newsletter.
Dopo l’iscrizione potrai scaricare gratis la lista con tutte le domande da fare al sopralluogo delle casa che vorresti comprare.

* Campi obbligatori

Consenso per il trattamento dei dati personali ai sensi del Regolamento (UE) 2016/679 (“GDPR”)
(Privacy):

Sarah Saccullo
Sarah Saccullo
Con un bagaglio di cultura edile in testa racconto l’edilizia come farebbe un amico che cerca di dare un buon consiglio. Curiosa per natura e, inevitabilmente, attratta dalle novità. Progetto strategie di marketing, pianifico come metterle in pratica e racconto le aziende nei testi dei loro siti.Le mie passioni sono: l’architettura, l’arte e la bakery.

Comments are closed.

Stai per comprare una casa da ristrutturare? Scarica la checklist con le domande da fare al sopralluogo.
Ci teniamo alla tua privacy.