E se il mio immobile non avesse la conformità urbanistica e catastale? - CERTO edilizia energetica

E se il mio immobile non avesse la conformità urbanistica e catastale?

E se il mio immobile non avesse la conformità urbanistica e catastale?

sanzioni e non conformità urbanistica e catastale

Nel mese dedicato all’APE e alla Relazione Tecnica Integrata non potevamo non approfondire proprio la Relazione Tecnica Integrata.

Sulla dichiarazione di conformità, altro nome della Relazione Tecnica Integrata, abbiamo detto molto.
In questo articolo cercheremo, quindi, di approfondire quello che succede subito dopo che è stata fatta l’analisi di conformità e appena prima di compilare l’attestato di conformità.

Il momento cruciale, infatti, è proprio quello. Il tecnico ha ricevuto la documentazione dal Comune e la confronta con le informazioni che ha raccolto durante il rilievo: foto, misure, schizzi. Ciò che lui ha rilevato essere lo “stato di fatto”, ovvero quello in cui si trova la casa al momento del rilievo deve coincidere con lo “stato legittimo”, quello che emerge dalla documentazione.

Come ti abbiamo spiegato in un altro articolo non tutti gli immobili di Bologna sono conformi. Precisamente, secondo le nostre statistiche, su 100 edifici analizzati 70 non sono conformi.

Quindi, escluso il caso di conformità, ovvero perfetta corrispondenza tra stato di fatto e stato legittimo
l’esito del Check-Up Immobiliare, ovvero dell’analisi di conformità di un edificio possono presentarsi tre tipi di difformità:

  • catastali, difformità nella documentazione del Catasto
  • comunali, difformità nella documentazione Comunale
  • miste, ovvero difformità sia al Catasto sia al Comune

Per sanare le difformità sarà necessaria fare una pratica: edilizia, catastale, o di entrambi i tipi.
Tra le pratiche più comuni per sanare le difformità ci sono:

  • SC CEA, Segnalazione Certificata di Conformità Edilizia e Agibilità: solitamente è da presentare quando manca quella che, più comunemente, chiamiamo abitabilità o agibilità, è tra le pratiche meno impegnative
  • CILA, Comunicazione Inizio Lavori Asseverata
  • SCIA, Segnalazione Certificata di Inizio Attività

Se le difformità che presenta il tuo immobile risultano essere molto gravi, oltre a presentare una pratica (CILA o SCIA) dovrai pagare anche una sanzione che può andare da 1000 a 10.000 euro.

Più le difformità risultano evidenti (modifiche sul prospetto, aumento di superficie) maggiore sarà la sanzione da pagare.

E’ per questo che è importante portarti avanti con la ricerca del tecnico che può occuparsi di redigere per te la Relazione Tecnica Integrata: per non avere sorprese ed essere consapevoli dei tempi ma soprattutto dei costi.

Perché è brutto dover pagare una sanzione, ma lo è ancora di più perdere l’acquirente perché, dovendo fare la pratica, i tempi del rogito si sono allungati parecchio.
Per una della pratiche che ti abbiamo elencate ci vogliono almeno 30 giorni lavorativi di tempo perché il tecnico possa dire che il tuo immobile è sanato ed è conforme.
Vuoi ricevere altri preziosi consigli per la tua casa? Iscriviti alla newsletter.

Ti serve una Relazione Tecnica Integrata? Fino al 20 giugno se acquisti il pacchetto APE+ Relazione Tecnica Integrata nel nostro e-commerce risparmi 200 euro.
La promozione è valida solo per immobili di Bologna, fino a 100 mq.
Contattaci pure per i tuoi dubbi o per altre info sulla promozione in corso targata #eden10.

* Campi obbligatori

Consenso per il trattamento dei dati personali ai sensi del Dlg 196/2003 (Privacy):

CERTO edilizia energetica
CERTO edilizia energetica
CERTO edilizia energetica è la divisione di Gruppo EDEN dedicata ai servizi rivolti ai privati, dalla certificazione energetica alle pratiche edilizie e catastali.

Comments are closed.

Iscriviti alla Newsletter
Iscriviti ora per rimanere sempre aggiornato sulle novità del mondo dell'edilizia.
Rispettiamo la tua privacy: leggi la Policy